Bruckneriana

Anton Bruckner non è frequentatissimo nei programmi orchestrali di oggi, schiacciato com’è tra Brahms e Mahler. Chi lo ama, raramente lo fa in maniera scomposta e spesso fa riferimento o alla storia della musica o a esecuzioni un po’ esoteriche. Per me è il «nonno Anton», dal quale torno sempre volentieri e la cui musica, soprattutto le sinfonie, è un pozzo senza fondo. Si perdoni il titolo snob.

Casa Potts

Il merito, di tutto, è di my Catriona. Si perdoni l’autoreferenzialità.

Metallo pensante

O, Perché non possiamo non dirci metallari. Pare che l’heavy metal possa piacere, se proprio deve, soltanto quando si è adolescenti. Sarà.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: